Un giorno, dall’altra parte del mondo.

Per quanti di voi ancora non se ne siano accorti, questo blog è al momento in pausa indefinita.

La ragione principale è che mi sono trasferita in Asia per motivi di studio/lavoro, e sono abbastanza impegnata. La verità è che probabilmente potrei trovare il tempo per bloggare se veramente mi interessasse, ma devo confessare la verità: non mi interessa.

Potrei raccontare molte cose della mia vita qui o altrove, ma ho scelto di non farlo. In primis perché non voglio che la gente sappia della mia vita; nell’era della condivisione di tutto questa sembra a molti una scelta snob e/o strana ma francamente, non mi interessa.
In secondo luogo, non sento il bisogno che la gente sappia della mia vita: sono anni che non lo sento e non credo che lo sentirò tanto presto.
Quindi, se ci tenete a riempire il vuoto (se a qualcuno dovesse interessare), immaginate quello che volete. Immaginatemi in una biblioteca sepolta sotto i libri, immaginatemi a passare il mio weekend visitando un party dopo l’altro, immaginatemi che bevo il tè in un una casa stile zen, immaginatemi a uno dei miei concerti underground a fare headbanging. La verità è tutto, e niente, e soprattutto è sopravvalutata. Almeno il 70% del mondo in cui viviamo è un inganno e un sogno e una costruzione dell’intelletto umano.

Un giorno, tutto quello che vedo e sento troverà la sua strada in qualcosa di quello che scrivo. Non come biografia, ma come un’immagine, o un odore, o un ricordo, interpretato dalla mia memoria. Lo so perché succede sempre così, e forse nessuno lo noterà, forse nemmeno io lo noterò, ma succederà.

Per quanto riguarda la scrittura, anche questo ha smesso di importarmi. Ma vorrei chiarificare: non significa che smetterò di scrivere. Ma ho smesso di impegnarmi nel cercare una pubblicazione che tanto non arriverà. Invierò ancora manoscritti a qualcuno di tanto in tanto se la cosa mi sembra interessante ma francamente, so che non vedrò mai un mio libro pubblicato da nessuno e devo imparare a convivere con questa cosa e basta, come ho imparato a convivere con tante cose che non mi piacevano e come ho imparato ad accettare tante cose che mi fanno incazzare. Non sono una bella persona (mai detto di esserlo) e continuerò ad invidiare chiunque ce la fa, specialmente quelli che quasi nemmeno ci provano, perché comunque è stato e sarà sempre un mio sogno. Ma sono stanca di provarci e ricevere solo rifiuti, se si trattasse di un uomo smetterei quindi perché dovrei comportarmi diversamente in questo caso?
Forse non ho talento, forse quello che scrivo non interessa a nessuno, pazienza. Mark Twain diceva che se dopo tre anni da scrittore nessuno ti ha offerto un lavoro devi andare a tagliare la legna, e per me sono passati ben più di tre anni. Non so dirvi quanti rifiuti ho ricevuto perché non sono una di quelle che tiene le lettere di rifiuto. Penso che tenerle sia quasi tenere un trofeo sperando di poterlo mostrare a qualcuno un giorno, ma io non volevo dimostrare niente a nessuno. Volevo solo che qualcuno leggesse le mie cose per emozionarsi, e che decidesse di investirci per far emozionare gli altri ma insomma, non si può avere tutto ciò che si vuole.

Long story short, il blog è in pausa a tempo indeterminato. Vi ringrazio tutti, è stato divertente, thanks for all the fish.

(ps Il Giappone ha tanti difetti -tanti-, ma è ancora un posto bellissimo.)

from Ladycaos.eu http://www.ladycaos.eu/?p=772&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=un-giorno-dallaltra-parte-del-mondo

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: